Sul Grappa dopo la vittoriaLa conclusione della Grande Guerra, dopo gli iniziali entusiasmi, portò con sé un faticoso e doloroso ritorno alla normalità. Anche il ragazzo protagonista di questo romanzo dovrà fare i conti con i drastici cambiamenti provocati dalla furia della guerra sulle terre del Grappa. Quel monte Grappa, che fu teatro di morte e sofferenza, al termine del conflitto diventa una vera e propria risorsa: munizioni, fucili, pezzi di artiglieria e ogni tipo di metallo che prima aveva inferto colpi mortali si trasformano in opportunità per ricominciare. Il giovane protagonista, mandato a recuperare quegli oggetti, dovrà fare attenzione! Il monte è battuto dai soldati dell’esercito italiano che presidiano il luogo per evitare il saccheggio del materiale bellico, normalmente venduto illecitamente nella valle. E anche le esplosioni accidentali sono un pericolo da non sottovalutare, ma quando la necessità bussa alla porta della sua famiglia non gli resta che correre il rischio e addentrarsi tra le piaghe di quella montagna ferita, nei crateri provocati dalle bombe e nelle trincee che offrono ancora spettacoli agghiaccianti. E mentre il ragazzo cresce osservando l’orrore della guerra e scoprendo il suo amore per la terra bassanese, anche il monte Grappa tornerà allo splendore naturale di un tempo, riaccogliendo la vita che gli era stata strappata. Un romanzo di formazione toccante e ricco di suggestioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>